23 Lug 2014
La barca Nearchos che portava 3 volte alla settimana i turisti ad Erikoussa.

Grazie ai turisti di Erikoussa :)

Tra gli aspetti positivi dello stare ad Erikousa più di un mese annovero l’aver conosciuto molti turisti, italiani e stranieri.

Ognuno aveva una storia da raccontare, una pezzo di vita da condividere, un aneddoto simpatico da riferire 🙂

Ricordo Georgos e Holga, con cui ho trascorso due bellissime serate al bar Oasis tra racconti e storie di vita 🙂

Ricordo due belle signore greche che mi hanno raccontato in italiano la loro bella esperienza in Italia, degli anni passati a Brescia studiando medicina all’università, che ritornano in quei luoghi una volta all’anno perché gli piacciono molto e un po’ gli mancano 🙂

Ricordo una coppia e una famiglia che assieme stavano facendo il tour delle isole greche a piedi, con tenda e zaino in spalla, del sorriso di una delle due ragazze, di quei due bambini che pensavo essere così bravi a seguire i genitori in questa faticosa esperienza di vita.

Ricordo il ragazzo pugliese sposato con una simpatica inglese bravissima a parlare l’italiano che avevano due figli piccoli e trascorrevano sempre le loro vacanze in barca a vela. L’esperienza di un ingegnere che per trovare lavoro e fortuna (e poi anche l’amore) si è trasferito in Inghilterra e da anni ormai era felice lì.

Ricordo la coppia di amici belgi di una certa età che ho pensato per quasi un mese fossero marito e moglie, per scoprire solo l’ultimo giorno che erano amici. Auguro a lei di trovare ad Erikoussa la casa dei suoi sogni 🙂

Ricordo la famiglia leccese, con ben tre bimbi piccoli tutti cresciuti in barca a vela, davvero carini e simpatici.

Ricordo una coppia di Otranto, abbiamo parlato piacevolmente una sera, purtroppo quando loro sono tornati ad Ereikoussa io ero già andata via, ma li ringrazio per la loro simpatia.

Ricordo i tanti turisti con cui ho parlato e incrementato il mio inglese, non rimembro tutti i visi, ma vorrei ringraziarli per le loro esperienze condivise e per avermi permesso di migliorare il mio inglese.

 

Lascia un commento