13 Mar 2013
Il logo del Cosmoprof 2013.

Com’è andata al Cosmoprof 2013

Non era partita bene la giornata dedicata al Cosmoprof, il treno che da Rimini mi doveva portare a Bologna era in ritardo di mezz’ora, inoltre mi ero dimenticata di stampare il biglietto e non sapevo bene come avrei fatto.

Fortunatamente tutto è andato per il meglio, il treno seppur in ritardo e stracolmo di gente è partito, sono riuscita a trovare posto dopo circa mezz’ora di viaggio e Francesco mi ha fatto la cortesia di inviarmi per e-mail il biglietto che speravo in qualche modo di riuscire a stampare. Così è stato perchè in fiera c’era uno sportello di Help Desk dedicato a chi avesse acquistato il biglietto Print at Home.

Fin dal mattino la gente era molta, mi sono salvata perchè il padiglione che più mi interessava, quello del naturale, era il meno affollato. Quest’anno speravo di trovare più aziende eco-bio, invece no, non c’enerano molte. La maggior parte le conoscevo già e quelle nuove (per me) erano veramente poche.

Credo che le piccole aziende che vendono cosmetici eco-bio preferiscano le fiere di settore, come ad esempio il Sana, a cui io non sono riuscita ad andare, perchè probabilmente il pubblico è più ricettivo verso il biologico e il naturale, rispetto ad una fiera sull’estetica che nella maggior parte dei casi con il naturale (e figuriamoci il bio) c’entra ben poco.

Così verso le 11.30 ciò che mi interessava di più l’avevo già visto e potevo dedicarmi a gironzolare per curiosare tra le novità e fare qualche acquisto. In realtà di novità non ne ho viste granchè, i padiglioni asiatici mi sembravano identici a quelli dello scorso anno. Ho visitato anche il padiglione della Nail Art, dove la confusione regna sovrana, tra negozietti vari e postazioni per la ricostruzione delle unghie. Ho visto una ragazza con delle unghia incredibilmente lunghe a punta con ricami arzigogolati che effettuava una ricostruzione su un’ospite della fiera. Sinceramente non riesco a comprendere come facciano a lavorare con delle unghia così lunghe. Da questo punto di vista le ammiro, sono davvero brave.

All’Hair Style sono dedicati vari padiglioni della fiera e io ne ho visitati un paio. C’è molto baccano di solito perché in vari stand ci sono corsi di taglio e tintura e la musica spesso è ad alto volume. Pensavo di trovare qualche linea bio, ma non non ho visto nulla che si avvicinasse anche minimamente al naturale 😉

Una cosa simpatica è successa ad un certo punto quando uscendo da uno dei padiglioni, una ragazza mi si avvicina e mi dice “Tu sei Mariangela, quella che fa i video su You Tube, io ti seguo”. Per un attimo mi sono sentita famosa 🙂 E’ stata molto carina, Chiara, mi ha detto che i miei video sono rilassanti e abbiamo fatto una foto assieme 🙂 La ringrazio molto 🙂

Verso le 15 ho deciso di andare via anche perché mi era venuto un gran mal di testa 🙁

Devo dire di essere stata un tantino delusa dal Cosmoprof quest’anno. Forse anche io ero un po’ stanca per godermelo al meglio.
Gli acquisti che ho fatto sono davvero pochi: 2 smalti China Glaze, un paio di ciglia finte, una lima ruvida per i piedi, alcune spugnette e piumini per truccare le mie future clienti 🙂

Ci vediamo l’anno prossimo 🙂

Lascia un commento