25 Ott 2010
Mariangela incinta di Daniele a Trento, per qualche giorno di vacanza, prima del parto.

Torno presto… è arrivato il piccolo Daniele

Sono assente da più di un mese perchè ho partorito da poco il mio cucciolo, presto tornerò a scrivere qui sul blog, vi chiedo un po’ di pazienza 🙂

L’8 ottobre è nato il mio cucciolo, Daniele, sono entrata in ospedale perchè era il giorno esatto della scadenza e avevo il tracciato di controllo programmato per la mattina alle 9.00. Sicura che non ci sarebbero state sorprese (non avevo nessuna contrazione e stavo benissimo) avevo già fatto il programma per il resto della mattinata e il pomeriggio, dovevamo comprare l’ovetto della macchina per il bimbo e … invece, il ginecologo che mi ha visitato dopo 1 ora di tracciato mi dice che ho pochissimo liquido amniotico e che mi avrebbe ricoverato subito. Avrei dovuto partorire quel giorno perchè il bimbo altrimenti avrebbe sofferto.

Non nascondo che è stata una doccia fredda, non ero pronta a partorire quel giorno, ma il ginecologo mi dice: “Signora, se vuole può tornare domani o dopodomani, ma le dovremo fare quasi sicuramente un cesareo”. Ok, mi sono detta, il cesareo proprio no, oggi è il giorno in cui incontrerò il mio cucciolo.

Mi hanno indotto il parto alle 12.30 e alle 17 è iniziato il travaglio, che per fortuna è stato cortissimo, mentre invece ci ho messo un po’ di più a tirarlo fuori, perchè tutti, io per prima, non si aspettavano che il piccolo Daniele non fosse poi così piccolo, ben 3,510 kg per 54 cm di lunghezza. Però, tutto è andato bene, alle 22.03 è venuto al mondo e a parte una piccola defaiance iniziale (avendo sofferto durante il parto Daniele è nato cianotico), dopo pochissimi minuti si è ripreso completamente e finalmente c’è stato l’incontro.

Io e lui, con il papà Francesco a fianco, me lo hanno portato e messo vicino al seno e gli ho guardato gli occhi per la prima volta, mi faceva pena poverino era stanco e faceva fatica ad attaccarsi al seno, ma era lì con me aveva fatto un lungo viaggio e faticato quanto me, e forse anche di più, per vincere la sua battaglia e venire finalmente al mondo 🙂

Sono stati momenti stupendi, anche se solo nei giorni successivi avrei metabolizzato un po’ alla volta il parto, la sua nascita, il fatto che ero diventata mamma. Sono stata fortunata, ho avuto una bellissima gravidanza, ma fino a quando non l’ho avuto tra le mie braccia, non mi sono resa conto dell’amore che si può provare per una creaturina così piccola e indifesa e avere voglia che cresca per fargli vedere e capire il mondo, ma al contempo non voler perdere le varie fasi della crescita. Un giorno, infatti, saranno grandi e non ci si è resi conto: “Sembrava ieri che lo allattavo e ora mi chiede il motorino.” 😀

La prima notte è stata piena di incertezze, paure, ma anche incredibilmente bella. Io e lui in camera da soli, con tutto il tempo per guardarci e riconoscerci: “Sì, sono io quella che ti faceva mangiare tante schifezze, ascoltare Brahms e ti teneva compagnia di notte mentre avevi il singhiozzo e lei qualche dolore all’intestino… sì, sì sono proprio io, finalmente ci conosciamo… sei bellissimo e mi sento così fortunata ad averti qui con me”.

I giorni successivi sono stati intensi, tutto così nuovo, sicuramente stressante, ma pieno di gioia.

“Adesso viene il bello”, mi dicono tutti, ma io non mi spavento e non vedo l’ora di educare e passare la vita con la mia nuova creatura, augurandomi di lasciarlo libero di fare le sue esperienze e di aiutarlo a diventare autonomo.

Un ringraziamento speciale a mio marito Francesco che mi ha sopportato durante la gravidanza e che mi supporta tutt’ora… vorrei dirgli  che uno splendido papà e un marito magnifico 🙂

— Vorrei ringraziare Tiziana, l’ostetrica che ha tenuto il corso preparto a Soave. Inoltre ringrazio tutto lo staff del reparto di ostetricia dell’Ospedale Girolamo Frà Castoro di San Bonifacio, dalle infermiere alle inservienti, dalle ostetriche alle puericoltrici del Punto Nascita e ovviamente i ginecologi e i pediatri. Tutti molto competenti e disponibili, una bella esperienza davvero che continua anche adesso dopo essere stati dimessi. —

  1. carolina ha scritto:

    che bello leggere la felicità tua e di francesco… e bevenuto a daniele! che la vostra possa essere una vita ricca di felicità! 🙂

  2. Marina ha scritto:

    Mari, mi hai commossa, finché leggevo le tue emozioni rivivevo le mie di 8 anni fa. Essere mamma é la cosa + bella che possa capitare ad una donna.
    Un abbraccione a te e a Francesco e un bacione a Daniele.

  3. fradefra - cuoco scuola cucina maisazi ha scritto:

    Grazie Mariangela, anche io sono molto felice e mi è piaciuto leggere questo tuo post. Mi piace il tuo approccio con Daniele e sono convinto che sarai una splendida mamma.
    Daniele, beh lui ha già iniziato a farsi conoscere ed apprezzare 🙂

  4. pamen ha scritto:

    Cara Mariangela,
    un dolcissimo racconto,
    sono felice che tutto sia andato bene,
    e che tu ti sia sentita aiutata e rispettata…
    Buona luna di latte, allora!
    🙂 Patrizia

  5. Daniela ha scritto:

    Ma dai Mariiii…
    Che bello quello che scrivi, fai venire voglia anche a me di fare un pupo♥
    Non vedo l’ora che ci vediamo che mi racconti un pò.
    Ciaoooo
    Dani

  6. Mariangela Balsamo ha scritto:

    @carolina
    Grazie 🙂

    @Marina
    Sicuramente una delle esperinze più bella della vita 🙂

    @fradefra
    :X

    @pamen
    Grazie Patrizia 🙂 A presto.

    @Daniela
    Sì, vediamoci presto che ti faccio venire voglia … così poi usciamo assieme con carrozina e passeggino 🙂

Lascia un commento